-- IL TELECONTROLLO DEL SISTEMA IDRICO NELL'ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE - MODERA: STEFANO PANZIERI --

Telecontrollo Intelligente in ambito petrolchimico Use case

Antonio Baccaro - Simone Zappulla

23  ottobre  2019, ore 15:40, Sala Galileo

Azienda: Siemens - Priolo Servizi

Atti del Convegno

Scarica la Presentazione in PDF


L’approccio al telecontrollo oggi deve tenere conto delle innovazioni tecnologiche e normative, per rispondere in maniera puntuale alle esigenze dei Clienti.
In tale contesto il Customer Services di Siemens, che opera sul mercato da sempre in ottica propositiva, innovativa e digitale, per consentire l’evoluzione tecnologica di sistemi preesistenti che possano essere in grado di consentire analisi dei dati e delle risorse disponibili nelle aziende.
L’acqua come bene primario in ambito industriale è una delle risorse in questione, l’ottimizzazione della risorsa, in questo caso è necessaria per acquisire consapevolezza e conseguente conoscenza, per la gestione efficiente dell’utilizzo di tale risorsa.

USE- CASE

L’esperienza realizzata è stata frutto di una analisi dei requisiti indicati dal Cliente in termini di telecontrollo, per la completa gestione della risorsa idrica in un sito petrolchimico, dove la risorsa idrica è utilizzata per due scopi, raffreddamento (processo) ed uso sanitario/industriale.

La risorsa idrica utilizzata per il raffreddamento è acqua di mare prelevata da 6 postazioni dislocate fronte mare, mentre quella per uso sanitario proviene da circa 50 pozzi dislocati in un’area di circa 30kmq e da 5 bacini ed invasi/dighe dislocati sempre nella stessa area.

La particolarità del sistema di telecontrollo realizzato è quella di essere, dal punto di vista della comunicazione, ad alta disponibilità.
La stessa alta disponibilità doveva essere garantita per la gestione della risorsa proveniente dal mare.
La mancanza di informazioni riguardo allo stato di funzionamento delle postazioni telecontrollate, potrebbe determinare situazioni di emergenza tali da dover evacuare l’intera area di produzione, ivi incluse alcuni centri abitati nelle zone limitrofe il polo petrolchimico.

A tal proposito è stato realizzato un sistema di telecontrollo utilizzando la piattaforma Siemens PCS7 Telecontrol che ha permesso di soddisfare i requisiti, tutti, di alta disponibilità sia per la parte di comunicazione mediante vettori UMTS e Radio UHF, sia per la parte gestione proveniente dal mare con CPU ridondate.

Anche il centro di controllo è stato realizzato con il concetto di alta diponibilità impiegando server ridondati in back-up caldo.

La realizzazione ha permesso di accedere ai benefici fiscali di industria 4.0.

Il sistema realizzato permette oltre, il monitoraggio di 61 postazioni remote, anche la storicizzazione dei dati relativi alle portate, pressioni, livelli. Tali dati permettono la redazione di bilanci idrici nonché l’ottimizzazione delle risorse idriche i n funzione dello stato dell’impianto.
Tale realizzazione permette di effettuare analisi in real time e storiche per individuare eventuali perdite nelle reti, oltre ad essere uno strumento indispensabile per definire piani di manutenzione preventiva.

Il sistema permette, attraverso la conoscenza dei dati, di essere più efficace per gli interventi di manutenzione correttiva, unitamente al fatto di poter essere utilizzato per la manutenzione predittiva.

Il sistema permette la comunicazione dei dati da/e verso altri sistemi dove la risorsa idrica è utilizzata ad esempio per la rete antincendio.
Altro, impiego del sistema è quello di inviare i dati relativi alle misure delle dighe al Mi.Se.

Il sistema inoltre permette il monitoraggio dati, unitamente ad eventuali allarmi, via Web per poter utilizzare dispositivi mobili.

La realizzazione del sistema costituisce l’architrave ed i pilastri di una architettura digitale per creare conoscenza, consapevolezza, metodologia di approccio in termini efficienza e valore.

Torna al Programma